BIOGRAFIA - Alberto Alberti

Alberto Alberti Fotoreporter
Vai ai contenuti
Alberto Alberti è un fotoreporter videomaker, sempre in cerca di conoscenza.
 
Nel 1984 entra a far parte del mondo televisivo nel periodo d’espansione della televisione Italiana.

Dal 2018 al 2019: si è occupato di cercare storie e realizzarle come, Moira e i suoi 40 asini, il maestro di sci disabile e tante altre... per il programma Buone Notizie, emittente TV2000 della Conferenza Episcopale;

2016/2018: ha realizzato servizi giornalistici per l’agenzia Aicanews e TV2000 raccontando fatti di cronaca e reportage come in Francia: La strage di Nizza; Il terremoto del centro Italia; Repubblica Ceca: Il leone di Praga, lo Schinder britannico che salvò 669 bambini ebrei;

2014: in Crimea nella Federazione Russa realizza un reportage importante per l'agenzia: 300 italiani superstiti del genocidio;
 
2012/2019: collabora con il programma televisivo Vaderetro e Indagine ai Confini del Sacro, realizzando inchieste giornalistiche reportage per David Murgia TV2000 Rai; mentre per Aicanews e TV2000 ha seguito per primo fatti di cronaca, come il Naufragio della Costa Concordia; Terremoto dell'Emilia; Mosca (Russia): Una notte con i senzatetto;
 
2011: diversi scoop ma quello più importante a livello internazionale dove la BBC, Rai e TV2000 sono andate in onda le prime immagini sulla scoperta della tomba di San Filippo Apostolo in Turchia;
 
2010: in Cisgiordania realizza per Repubblica Tv e Aicanews un reportage: la città circondata dal muro; Mosca (Russia): Una città di bambini abbandonati;
 
2009/2019: segue per Aicanews, Skytg24, TV2000 il Terremoto dell'Aquila realizzando reportage e vari servizi giornalistici;
 
Dal 1998 al 2007: realizza a tempo pieno, servizi giornalistici per Rai - Mediaset;

Dal 1985 al 1995: sempre a tempo pieno per Globo News - Telemontecarlo realizza reportage, servizi giornalistici e collabora nei programmi televisivi: TV donna, Galagoal, Coppa America, Guerra del Golfo;

Dal 1985 ad ‘oggi lavora nelle news nazionali e locali. Il suo obbiettivo è di catturare gli attimi fuggenti. È alla continua ricerca di notizie curiose, interessanti, culturali e d’attualità. Riesce a realizzare in poco tempo un reportage raccontando tutto, mettendo in risalto l’interesse di una storia. È l'evoluzione di un lungo percorso, che ha nel suo sfondo una filosofia positiva; nel coprire con un devoto spirito di servizio il proprio lavoro. Realizza servizi giornalistici per le maggiori testate televisive Nazionali e Internazionali.
 
 
Torna ai contenuti